Anche Claude Monet vittima del NIMBY

25 Maggio 2016

 

Per quanto incredibile anche uno dei massimi esponenti dell’Impressionismo fu vittima di una manifestazione NIMBY ante-litteram.

Quando verso il 1890 Claude Monet presentò alla municipalità di Giverny un progetto per deviare il corso della Epte un affluente della Senna e creare un laghetto nella sua proprietà, egli dovette patire la forte opposizione dei allevatori del luogo. Gli agricoltori di questo angolo della Normandia temevano che le ninfee che il pittore intendeva far crescere, avrebbero inquinato il corso d’acqua e intossicato le bestie al pascolo a valle del giardino di Monet. Dopo qualche tempo e molti sforzi il pittore ottenne il permesso. E noi possiamo godere dei suoi capolavori…

Taggato con: ,
Un commento su “Anche Claude Monet vittima del NIMBY
  1. Enzo Boschi ha detto:

    Evviva! Un nuovo articolo di “Contro l’Italia del No”. Credevo che non esistesse più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

8 Marzo 2014

Chi siamo e cosa vogliamo

Sviluppo economico e sociale imbavagliato. Veti incrociati e decisioni amministrative nel limbo. Politicizzazione del fenomeno Nimby. Degenerazione della fisiologica contestazione. Per reagire a questo stato di cose,  con un gruppo di volenterosi abbiamo dato vita ad un movimento culturale, mettendo al centro