Oil free Lucania perde 260mila euro al giorno di royalties

1 Maggio 2016

Il sequestro del Centro Oli di Viggiano per mano della procura di Potenza ha un costo economico rilevante. A seguito di un’interpretazione dei magistrati sulle modalità di smaltimento delle acque petrolifere difforme da quelle seguite dal centro ENI che si attiene alle best practice internazionali e ai parametri imposti della VIA, lo scorso 31 marzo sono stati chiusi gli impianti e i giacimenti lucani.

La chiusura comporta non solo la cassa integrazione per 350 lavoratori e la mancata produzione di 75 mila barili di petrolio al giorno ma sfila dalle tasche dei Comuni interessati e della Regione Basilicata 300 mila dollari di royalties al giorno (circa 260mila euro). Denaro che serviva per pagare un reddito di cittadinanza ai residenti più poveri, a tenere i pareggio il bilancio della Sanità (unica regione del Sud con un bilancio in attivo), ecc.

Un approfondito articolo di Jacopo Giliberto su Il Sole 24 Ore calcola che, di questo passo, in un anno gli abitanti della Basilicata perderanno  110/120 milioni di euro. Solo di royalties.

Taggato con: , , ,
Un commento su “Oil free Lucania perde 260mila euro al giorno di royalties
  1. Mauro ha detto:

    In pratica ci si tagliano i “gioielli di famiglia” per far dispetto alla moglie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

8 Marzo 2014

Chi siamo e cosa vogliamo

Sviluppo economico e sociale imbavagliato. Veti incrociati e decisioni amministrative nel limbo. Politicizzazione del fenomeno Nimby. Degenerazione della fisiologica contestazione. Per reagire a questo stato di cose,  con un gruppo di volenterosi abbiamo dato vita ad un movimento culturale, mettendo al centro